Seleziona una pagina

Come aiutare i bambini a sviluppare una corretta alimentazione

da | Dic 22, 2020 | Firenze

frutta firenze


Parlare di alimentazione per i bambini e di educazione alimentare è estremamente importante. Il problema dell’obesità infantile è in rapida crescita negli ultimi anni. Tra i maggiori responsabili ci sono i cibi spazzatura che accalappiano i nostri figli attraverso le pubblicità, la sedentarietà, ma anche la selettività alimentare e un rapporto conflittuale con il cibo.

Fare una buona educazione alimentare in casa è diventato oggi fondamentale.

Come dare una buona educazione alimentare ai nostri figli

alimentazione bambini

Seguono due importanti consigli su come aiutare i nostri figli a sviluppare una corretta alimentazione.

1. Limitare i cibi spazzatura

Dobbiamo sapere che i bambini tendono naturalmente verso i cibi spazzatura perché le loro papille gustative sono più predisposte a recepire gusti dolci e palatabili, in quanto questi cibi rappresentano disponibilità energetica.Proprio per questo motivo se proponiamo loro sempre cibi altamente palatabili, il bambino non darà più ascolto al suo senso di sazietà e fame, perché sarà spinto a mangiare soltanto per gola!


Non dobbiamo, quindi, fare l’errore di tenere sempre alimenti junk in casa e di tirarli fuori tutti i giorni a colazione o a merenda. Mi riferisco a merendine, biscotti, torte confezionate, patatine , schiacciate ecc…è naturale che una volta abituati a questi alimenti i bambini li richiederanno e li preferiranno sempre.
Sarà anche più difficile una volta cresciuti, proporre alimenti diversi e più sani, perché saranno percepiti come insapori. Inoltre, l’insistenza da parte del genitore rischierà di fare vivere al bambino il pasto come un momento negativo.

2. Coinvolgere i bambini nella preparazione dei cibi


Il coinvolgimento dei bambini è davvero educativo! I bambini vanno coinvolti fin da subito nella scelta del menù settimanale, delle merende, delle colazioni e nelle preparazioni in cucina. Questa modalità di vivere il cibo insieme permette di accendere l’interesse e la curiosità dei bambini nei confronti del cibo.


Chi di voi quando prepara una torta non vede poi l’ora di assaggiarla? Lo stesso vale per loro! I bambini devono toccare con mano gli ingredienti, conoscerli e impararne le caratteristiche. Insegnare loro quali sono le differenze tra gli alimenti freschi e quelli confezionati, far notare quanto zucchero è presente in un estathé o altre bevande zuccherate, ad esempio, può essere molto significativo per loro.


Facciamo sentire coinvolti i bambini anche nella scelta dei pasti della settimana in modo da evitare imposizioni e trovare alternative che piacciano a loro e che siano comunque sane (e veloci da preparare!). Tutto questo non vuol dire eliminare alimenti dolci o zuccheri, ma vuol dire ridurre dall’alimentazione dei bambini sostanze che oggi sappiamo che, se mangiate tutti i giorni o spesso, compromettono la salute dell’organismo e portano obesità e altri rischi; vuol dire togliere conservanti, additivi, sciroppi, grassi idrogenati e ossidati e un sapore studiato ad hoc per creare dipendenza.

Leggi anche…


Merende: l’alimentazione dei bambini passa da qui

educazione alimentare bambini

La merenda è un momento importantissimo per l’alimentazione dei bambini! Ma spesso per fretta o mancanza di inventiva noi genitori ricorriamo a prodotti confezionati come le creme spalmabili, o le classiche merendine. Questo può essere particolarmente dannoso, specialmente se i nostri figli non si muovono o non fanno sport.

Merende per i bambini e buone abitudini

La prima cosa da fare è non fare mangiare i bambini davanti alla TV, perché non si rendono conto di quello che mangiano e non hanno modo di sviluppare interesse verso gli alimenti. Cercare poi di differenziare le merende del pomeriggio con quello che viene proposto a scuola: se la mattina o a pranzo viene dato yogurt zuccherato o un dolcino, evitiamo di fare lo stesso nel pomeriggio per ridurre l’apporto di zuccheri totale della giornata.

Non avere proposte di merende più palatabili di riserva, altrimenti i bambini capiscono in fretta che al rifiuto di una pietanza ne arriva un’altra più gradita: finiremo con il preparare solo quello che piace a loro o preparare più pietanze per accontentare tutti. Infine, sarebbe ottimo avere sempre a portata di mano fuori casa o a casa snack sani per non rischiare di comprare al volo qualcosa al bar.

Che cosa preparare ai bambini per merenda

Infine alcune idee sulla merenda pomeridiana per i nostri figli!

  • frullato di banana e cacao e latte
  • biscotti fatti in casa con datteri, banane, miele per dolcificare
  • budini di frutta (come cachi e cacao)
  • castagnaccio o castagne
  • pane con cioccolato 60% oppure con creme di frutta secca (anche nocciola e
    cacao) senza zuccheri aggiunti
  • pancakes/ muffin/ torte /crostate preparate la domenica
  • gelato fatto in casa con frutta surgelata
  • crackers semplici
  • frutta fresca
  • frutta secca
  • pane con pesto o pomodoro oppure formaggio fresco di buona qualità
  • parmigiano
  • yogurt bianco con frutta fresca

Alessandra Grifoni è iscritta all’albo professionale dei Biologi, e lavora come Biologa nutrizionista a Firenze.

È cresciuta in una famiglia molto attenta alla qualità del cibo e al benessere fisico, per questo la nutrizione è una passione che vive da sempre nella sua vita.

Il concetto di prevenzione e l’importanza di preservare la propria salute sono i pilastri del suo modo di vivere, e attraverso il suo lavoro Alessandra cerca di trasmetterli anche agli altri.

Potrebbe interessarti anche…